LeS Libertà e Sicurezza - Logo a pieno schermo

Carenza personale commissariato sezionale Barriera Nizza (TO)

Al Signor Questore di Torino

c.a. dr. Giuseppe De Matteis

e, per conoscenza

Al Signor Dirigente del Commissariato di P.S. “Barriera Nizza”

c.a. dr.ssa Alessandra Semeraro

In data 25 novembre u.s., una delegazione di codesta Segreteria Provinciale hanno richiesto ed ottenuto un incontro con la Dirigenza del Commissariato cittadino “Barriera Nizza”.

L’incontro si è svolto in un clima di fattiva collaborazione e rispetto, nel quale sono state messe in luce problematiche oramai ben note ma che sembrerebbero insanabili quali la cronica carenza di organico che non consente al Commissariato (di rango dirigenziale e collocato in un quartiere strategico), di espletare al meglio i compiti e le funzioni ad esso deputate.

Le precisiamo, Sig. Questore, per chiarezza espositiva, che detto Ufficio consta di n.58 dipendenti, di cui n.9 Ufficiali di P.G. (3 Isp. SUPS, 3 V.-Isp. e 3 Sovr. C.) e n.46 Agenti/Assistenti.

Giova sottolineare come la carenza più marcata si riscontra nel ruolo U.P.G. oramai composta da colleghi appartenenti alle qualifiche apicali ed alcuni di questi colleghi hanno già maturato i requisiti pensionistici minimi (prossimi quindi al godimento della meritata pensione!).

Nello specifico gli Ispettori Superiori vengono impiegati prevalentemente in servizi di O.P. e non per la ricezione denunce, diversamente i restanti 6 dipendenti, i quali vengono impiegati in ogni tipologia di servizio.

Sono proprio quest’ultimi n.6 UPG che devono coprire il proprio Ufficio ed anche il turno all’Ufficio denunce, aperto al pubblico 6 giorni su 7, mattina e pomeriggio, con non poco sacrificio ed affanno.

Ciò non significa che chiediamo l’impiego degli Ispettori Superiori in quest’attività, ci mancherebbe, ma che qualche Sovrintendente in più sicuramente aiuterebbe l’Ufficio Denunce a diventare autonomo svincolando gli altri UPG che possono così serenamente e compiutamente dedicarsi alle proprie attività di P.G., Anticrimine, Codice Rosso, Informativa, Amministrativa e Sociale, Volanti, O.P., etc etc.

Per quanto riguarda il ruolo Agenti/Assistenti, fulcro di tutte le attività del Commissariato,  la carenza di organico è quanto mai tragica.

Il servizio di Volante e del Centralino/Cdg assorbe minimo n.15 operatori, lasciando un margine di manovra piuttosto risicato ad altri Uffici. Ci risulterebbe, infatti, che in periodi festivi particolari (vedasi ferie natalizie, capodanno, pasqua e periodo estivo) verrebbero chiusi diversi Uffici per sopperire ai turni continuativi di controllo del territorio, in primis PG esterna o Interna, attingendo personale da tutti gli Uffici.

Tale presidio, inoltre, è responsabile dei due nosocomi più grandi e importanti del Piemonte, ovvero “CTO” e “Molinette” (oltre il resto dei presidi della “Città della Salute di Torino” ricadenti in zona). In più l’attività di Polizia Amministrativa e Sociale, dovendo stampare i passaporti e gestendo un elevato numero di autorizzazioni di polizia inerenti armi, non fa altro che aumentare il fabbisogno di personale.

Oltre a quanto appena evidenziato, si apprendeva che n.2 dipendenti risultano aggregati ed un altro dipendente, per motivi di salute, sia in aspettativa in attesa di transitare nel ruolo tecnico.

Non ultimo le richieste dell’Ufficio di Gabinetto di personale per i servizi di O.P., concludono un quadro già precario dando un colpo di grazia ad un Ufficio composto da personale che con abnegazione e senso di responsabilità tenta di adempire ad ogni compito assegnato.

Ma a che prezzo? Quanti e quali sacrifici ci sentiamo di poter chiedere a questi colleghi? E per quanto tempo ancora? Quali sono i carichi di lavoro e come sono aumentati nel tempo?

Le doglianze raccolte, interpellando i colleghi di varie qualifiche e mansioni, indicano anche carenze dei mezzi di polizia: necessiterebbero una volante specializzata in più ed un’autovettura “civetta” da impiegare per i servizi di pg/informativa.

E’ stata anche riferita, ma questo è un argomento a noi caro, una continua disparità con le volanti appartenenti all’UPGSP. Queste ultime sarebbero costantemente “favorite” sugli interventi/ausili a discapito delle volanti dei Commissariati.

Questa O.S. si è sempre battuta affinché non vengano classificate talune Volanti di serie “A” ed altre di serie “B”! Per noi ciò è intollerabile e ci batteremo per eliminare certi “campanilismi” che nel 2020 sono ridicoli e dannosi.

Per i motivi appena esposti, si richiede alla S.V. Ill.ma, non avendo notizie di imminente attivazione del progetto ministeriale dei c.d. “Distretti” in tempi ragionevoli e non potendo attendere altro tempo (dato anche il periodo emergenziale), di voler alleviare tale carenza organica al fine di efficientare attività vitali per tale Ufficio e provvedere affinché certe storture siano limate.

In attesa di urgente riscontro si porgono distinti saluti, precisando sin d’ora che analoghe attività conoscitive verranno avviate da codesta segreteria provinciale in altri Commissariati.

Torino, 27 novembre 2020

I Segretari Provinciali di Torino

Giuseppe PITTI

Domenico RUSSO

Condividi su