Mole Antonelliana - Torino

Movimenti interni Questura

Al Sig. Questore di Torino

e. p.c.

Al Sig. Questore Vicario

Egregio Sig. Questore,
facciamo seguito alla nostra lettera del 29 dicembre 2020 con la quale chiedevamo di stabilire criteri oggettivi da utilizzare per stilare la graduatoria relativa alla movimentazione interna alla Questura, anche in un’ottica di poter meglio favorire le legittime aspirazioni del personale oltreché a garanzia dell’imparzialità e della trasparenza che devono contraddistinguere le scelte della P.A.

Un’operazione di pubblicità interna (così come avviene tramite “doppiavela” con i movimenti esterni) che avrebbe avuto l’effetto di eliminare “promesse” e/o “lamentele” sindacali in quanto tutti i colleghi avrebbero potuto autonomamente controllare la propria posizione e comprendere le scelte dell’Amministrazione nel trasferire tizio piuttosto che caio.

L’elemento innovativo che potrebbe finalmente trovare residenza alla Questura di Torino è che tale graduatoria, una volta stilata in base a criteri oggettivi, potrà essere consultata da tutto il personale, seguendo quanto già avviene per il “Portale Mobilità” del Ministero dell’Interno (sistema tra l’altro già utilizzato in altre Questure con ottimi risultati ed apprezzato da tutti).

Sig. Questore è anche vero che questa O.S. ha potuto riscontrare che, nonostante l’assenza di criteri oggettivi, già la Questura (nella maggior parte dei casi) sta utilizzando il criterio dell’anzianità da noi fortemente sponsorizzato. Registriamo, inoltre, che anche altre OO.SS. (finalmente dopo anni) concordano con la nostra visione.

Per fare un esempio possiamo dire che tale sistema sarebbe come il VAR nel calcio (il VAR è un arbitro che ha accesso alle immagini delle telecamere da bordo campo ed ha il compito di aiutare il direttore di gara a correggere eventuali errori).

Questo nuovo sistema, prima fu molto contestato perché avrebbe potuto correggere l’ arbitro
ma oggi è apprezzato da tutti perché nessuno può più lamentarsi per le decisioni intraprese che sono
sempre, adesso sì, giuste imparziali e trasparenti.

Sicuri della sua sensibilità in materia, confidiamo in un Suo interesse a favore del personale
significando di rimane re in attesa di un cortese cenno di riscontro.

Cordialmente

La Segreteria Provinciale di Torino

Condividi su